Seleziona una pagina

I tipici dolci pasquali della tradizione siciliana

U Pupu cù l’ovu (il pupazzo con l’uovo) è una delizia che si prepara, principalmente, nel periodo pasquale ma anche durante le feste primaverili, in quanto si utilizzano materie prime di stagione.

Tale prelibatezza è diffusa in particolare in Sicilia ma anche nel resto dell’Italia meridionale (si può trovare nella versione sia dolce che salata) con nomi diversi e molto originali.

Origini e denominazioni dei Pupi cù l’ova in Sicilia

Questa originale creazione di origini antichissime era legata all’uso delle uova durante i riti pasquali e veniva tramandata di generazione in generazione nelle famiglie contadine.
Non a caso, per moltissimo tempo, è stato considerato un dolce povero e, in seguito, rivalutato per la sua realizzazione semplice ma molto fantasiosa.

In tutta la Sicilia il Pupu cù l’ovu si può trovare con forme e nomi differenti:

  • campanaru a Trapani (campana)
  • cuddura cu l’ova a Catania (ha una forma circolare come una corona)
  • panareddu (panierino)
  • palummedda (colombella)
  • aceddu cù l’ovu (uccello con l’uovo)

A queste versioni, prettamente legate alle celebrazioni pasquali, si aggiunge un’altra variante molto romantica.
In passato le ragazze preparavano dei Pupi a forma di cuore per i propri fidanzati così da dimostrargli il loro amore!

Ad accomunare le varie tipologie di Pupi cù l’ova è la presenza costante di un uovo sodo, cotto con tutto il guscio, che viene posto nella pasta frolla.
Le uova sono simbolo di vita e rinascita (anche per la loro forma ovale) e celebrano, alla perfezione, la resurrezione di Gesù.
Per questo motivo, in antichità, questa festività veniva chiamata “Pasqua d’uovo”.

Ancora oggi u Pupo cù l’ovu viene preparato sia nei giorni della festa sia per scampagnate e gite fuori porta.
Essendo un piatto che si consuma freddo, è facilmente trasportabile e adatto a ogni occasione.

Allora rimboccati le maniche e prova a prepararlo anche tu a casa!

La ricetta del Pupu cù l’ovu

Questo dolce tradizionale siciliano si cucina ovunque nell’Isola e, nonostante assuma forme e denominazioni diverse, segue una preparazione abbastanza comune in tutta la regione.
Noi ti suggeriamo questa semplice ricetta!

Ingredienti

Per la pasta

  • 500 g di farina 00
  • 150 g di zucchero
  • 150 g di strutto
  • 100 ml di latte
  • 2 uova
  • 5 g di ammoniaca
  • 1 bustina di vanillina

Per la guarnizione

  • 6 uova sode
  • uovo sbattuto o latte q.b.
  • zuccherini colorati
Preparazione
  1. Impastare su una spianatoia la farina setacciata, lo zucchero, lo strutto tagliato a pezzetti, le uova, la vanillina e il lievito, aggiungendo via via il latte a filo fino a ottenere un impasto liscio e consistente.

  2. Formare una palla con la pasta, avvolgerla nella pellicola e lasciarla riposare in frigorifero per almeno 60 minuti.

  3. Trascorso questo tempo, dividere il composto in sei porzioni e stenderle con il mattarello in una sfoglia dello spessore di 7-10 mm.

  4. Dare alle sfoglie la forma di agnellini, colombe, campane, fiori, cuori, cesti o pupi e fissare un uovo sodo su ogni sagoma con due striscioline di pasta poste a croce.

  5. Disporre i Pupi su una teglia rivestita con carta da forno e, dopo averli spennellati con del latte o uovo sbattuto e cosparsi di zuccherini colorati, cuocerli in forno preriscaldato a 180 °C fino a doratura (20-30 minuti).
  6. Servire il Pupu cù l’ovu a temperatura ambiente.

U Pupu cù l’ovu, al di là delle simbologie, è molto apprezzato particolarmente dai bambini che hanno la possibilità di realizzare numerosissime variabili, tutte personalizzabili!
Oltre a ciò, il suo gusto irresistibile permetterà di fare un viaggio indietro nel tempo ai più grandi che saranno ben felici di gustarlo.

Anche nella nostra Pasticceria questa tradizione pasquale non si è mai persa.
Utilizziamo la ricetta originale della nostra cara nonna Maria alternando, però, composizioni classiche ad altre molto più innovative e curiose.
Vieni a provarle da noi, ti stupiremo!